News

  • La consulenza e formazione di CSMT è finanziabile con il bando camerale Smart Working e Impresa Digitale rivolto alle micro pmi bresciane

    IL BANDO

    La Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Brescia stanzia un fondo di EURO 2.000.000 a favore delle micro PMI bresciane operanti in tutti i settori economici (commercio, turismo, servizi, artigianato, industria, agricoltura), allo scopo di incentivare e promuovere l'utilizzo dello smart working nelle imprese e la diffusione delle tecnologie digitali.

    Operatività geografica: Provincia di Brescia

    Ente gestore: Camera di Commercio di Brescia

    Soggetti Beneficiari
    Possono beneficiare dei contributi, a pena di esclusione, le imprese bresciane che:

    • rientrino nei criteri comunitari di definizione di micro e PMI, in vigore al momento della concessione, stabilita nell'Allegato I del Regolamento (CE) n. 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014;

    • abbiano sede legale e/o unità operativa nella provincia di Brescia, siano iscritte al Registro delle Imprese ed in regola con la denuncia di inizio dell’attività ed al Rea (Repertorio economico amministrativo) dell’ente camerale bresciano; 

    • siano in possesso di qualifica artigiana, ove previsto.

    Interventi ammissibili
    I contributi sono concessi per favorire l’innovazione tecnologica mediante il sostegno finanziario agli investimenti effettuati, acquistati, completamente pagati e installati, nel periodo 1.1.2020 – 31.12.2020.

    Spese ammissibili

    MISURA 1. 

    • Servizi di consulenza e formazione finalizzati all’adozione di un piano di smart working

    • Acquisto di “strumenti tecnologici” per l’attuazione del piano di smart working

    MISURA 2.

    Investimenti in innovazione nell'ambito del progetto PID – Punto Impresa Digitale.

    Spese ammissibili:

    • consulenza, relativa ad una o più tecnologie di cui agli allegati A e B della legge 11 dicembre 2016, n. 232 e s.m.i. e di altre tecnologie digitali propedeutiche o complementari, erogata da fornitori che sono elencati specificamente nel punto 5 del presente bando;

    • formazione, riguardante una o più tecnologie di cui agli allegati A e B della legge 11 dicembre 2016, n. 232 e s.m.i. e di altre tecnologie digitali propedeutiche o complementari, erogata da fornitori che verranno elencati specificamente nel bando di concorso (la formazione non può avere un costo superiore al 30% del totale della spesa prevista dall’impresa);

    • acquisto di attrezzature tecnologiche e programmi informatici necessari alla realizzazione del progetto di digitalizzazione dell'impresa.

    Ai fini degli investimenti di cui alla MISURA 2, l'impresa dovrà avvalersi esclusivamente per i servizi di consulenza e formazione di uno o più fornitori fra le tipologie specificate nel bando, fra i quali: DIH-Digital Innovation Hub ed EDI-Ecosistema Digitale per l'Innovazione, di cui al Piano

    Nazionale Industria 4.0; centri di ricerca e trasferimento tecnologico, Competence center di cui al Piano Industria 4.0, parchi scientifici e tecnologici, centri per l’innovazione; soggetti accreditati tramite Digital Innovation Hub (DIH) su tematiche I 4.0.

    MISURA 3.

    Progettazione, restyling e/o nuova realizzazione di siti web aziendali, anche di e-commerce, per lo sviluppo di azioni di web marketing dei propri prodotti, anche attraverso social media marketing, direct email marketing e mailing list.

    MISURA 4.

    Tecnologie per la sicurezza per la prevenzione di atti criminosi.

    Sono ammissibili gli investimenti sostenuti per l'acquisto di: impianti antintrusione, impianti anti taccheggio, vetri antisfondamento, telecamere, casseforti e armadi blindati.

    I predetti sistemi e dispositivi devono essere gestibili attraverso l'utilizzo di tecnologie digitali, comprovato da idonea documentazione.

    MISURA 5.

    Riduzione consumi energetici ed impatto ambientale e rifiuti.

    Sono ammissibili gli investimenti sostenuti per l'acquisto di:

    • attrezzature per il lavaggio delle stoviglie, per il freddo ((frigoriferi, celle frigorifere, congelatori, surgelatori, abbattitori termici, e simili) e per il caldo (forni elettrici o micro onde per uso professionale), 

    • attrezzature per la produzione di energia da fonti rinnovabili

    • attrezzature per interventi finalizzati a migliorare l’efficienza energetica e gestione energetica e attrezzature per la riduzione dei rifiuti (compattatori di rifiuti organici/imballaggi, tritarifiuti ad uso professionale per attività di somministrazione).

    I predetti beni devono essere gestibili mediante tecnologie digitali per l'utilizzo energetico efficiente/il monitoraggio dei consumi/la riduzione delle emissioni, comprovato da idonea documentazione.

    Agevolazione
    Il contributo concedibile è pari alla misura del 50% del costo sostenuto (al netto di I.V.A.) nel periodo 1.1.2020 - 31.12.2020.

    Il contributo massimo per la Misura 1 è di euro 5.000 per ogni impresa.

    Il contributo massimo per la Misura 2 è di euro 10.000 per ogni impresa.

    Il contributo massimo per le Misure 3 e 5 è di Euro 5.000 per ogni impresa.

    Il contributo massimo per la Misura 4 è di Euro 2.500 per ogni impresa.

    La spesa minima ammissibile è di euro 1.000,00.

    I contributi, concessi a norma del Regolamento UE n. 1407/2013, sono cumulabili con altri aiuti e/o agevolazioni concessi per gli stessi costi ammissibili nell'ambito di iniziative straordinarie di sostegno alle imprese per l'emergenza COVID 19

    Criteri di selezione e tempistiche
    I termini di presentazione delle istanze di contributo decorrono da lunedì 11 maggio 2020 a giovedì 31 dicembre 2020 dalle ore 9 e fino alle 16.

    Le domande di contributo devono essere presentate esclusivamente con invio TELEMATICO

    L'istruttoria delle domande di contributi e la verifica, formale e sostanziale, dell'osservanza dei criteri previsti dal presente bando da parte delle imprese richiedenti il contributo, viene effettuata dall'Ufficio Promozione Imprese e Territorio della Camera di Commercio di Brescia.

    Le istanze saranno esaminate ed accolte sulla base della conformità delle stesse alle norme del presente Regolamento, secondo il criterio della priorità cronologica di presentazione on line.


    Risorse 

    Regime e cumulabilità € 2.000.000,00 

    Regime “de minimis” - Regolamento UE n. 1407/2013 del 18 dicembre 2013

    Il massimale annuale dei contributi camerali richiesti e concedibili ad ogni impresa bresciana, previsti dai bandi di concorso attivati per il 2020, è pari ad € 30.000,00.


    Per maggiori informazioni su progetti o p
    er istruire le pratiche di accesso ai contributi e maggiori informazioni contattaci:

    Dr. Matteo Falasconi - Project Funding CSMT
    E. m.falasconi@csmt.it - T. 328 9475543


    La consulenza e formazione di CSMT è finanziabile con il bando camerale Smart Working e Impresa Digitale rivolto alle micro pmi bresciane
  • back